La nuova edizione dello show di successo di Netflix porta le cose a un altro livello, ma è troppo da sostenere.

La serie di fantascienza di successo di Netflix Stranger Things è stata un colosso televisivo per un po’ di tempo ormai, ma non è mai stata così grande, nemmeno lontanamente.
Tutto in Stranger Things 4 è più grande di quello che è successo prima. Il cast è assolutamente enorme, con ancora più personaggi aggiunti a un foglio di chiamata già gemito. Si svolge su una gamma più ampia: per la prima volta, la scala della serie si estende ben oltre la piccola città di Hawkins, nell’Indiana, spostandosi attraverso diversi Stati, aree d’America e persino continenti.

Anche gli episodi stessi sono più grandi. Di questo primo pezzo di episodi (i primi sette sono disponibili il 27 maggio, seguiti da altri due a luglio) il più breve è stato di oltre un’ora e il più lungo si è avvicinato a due. La stragrande maggioranza dura circa 70-75 minuti, quasi la lunghezza di un film e piena zeppa di trame, minacce e sequenze horror che potrebbero essere le più spaventose che la serie abbia mai inventato.

Quindi sì, quest’anno è più grande. Ma più grande significa migliore? A volte, l’enorme peso delle trame e dei personaggi minaccia di far deragliare Stranger Things 4, che ha così tanto da destreggiarsi tra loro che riporterai malinconicamente ai giorni in cui tutto ciò di cui i nostri eroi dovevano preoccuparsi era quello stravagante Demogorgone. Tempi più semplici!
Ma il fascino del cast, l’orrore genuino della sua nuova minaccia e l’abbondanza di sequenze d’azione rendono ancora una TV avvincente e avvincente. Non è così caldo e sfocato come nella prima stagione, ma man mano che i suoi giovani eroi crescono, suppongo che lo debba fare anche questa serie.
E in un certo senso, questa serie è incentrata su quei dolori della crescita. Torniamo ad Hawkins (e in pochi altri posti) dopo un po’ di distacco dagli eventi di Stranger Things 3, e molte persone stanno lottando. Undici e Will (Millie Bobby Brown e Noah Schapp) stanno lottando per sopravvivere a una nuova scuola, Nancy e Jonathan (Natalia Dyer e Charlie Heaton) stanno cercando di fare un lavoro a distanza mentre Lucas (Caleb McLaughlin) cerca di dividere la sua identità tra la sua Dungeons and Dragons amici e compagni di squadra di basket mentre diventa più un atleta.
Altrove, dopo un periodo in Black Widow, David Harbour deve chiedersi come sia finito a essere considerato un “ragazzo intrappolato in una prigione russa”. La trama di Hopper (che coincide con un paio di altri personaggi) è più ovviamente brutale, almeno all’inizio, ma è anche curiosamente separata dagli eventi principali della serie. A seconda di ciò che accadrà nel secondo lotto di episodi, i fan potrebbero dover aspettare fino a Stranger Things 5 ​​prima che torni davvero nel vivo della questione.

Max fluttua sopra la tomba di suo fratello Billy nella stagione 4 di Stranger Things
Max fluttua sopra la tomba di suo fratello Billy in Stranger Things stagione 4  Netflix

E poi c’è Max (Sadie Sink). Fresca del suo ruolo da protagonista come “una specie di Taylor Swift” nel popolare video di All Too Well (Taylor’s Version), Sink ha un ruolo notevolmente ampliato in Stranger Things 4, ancora lottando contro gli eventi traumatici di Stranger Things 3 e prendendo un ruolo centrale nella lotta contro il nuovo antagonista Upside-Down Vecna.
È giusto dire che Sink è all’altezza della sfida, ma è una sfida. Come i precedenti cattivi Demogorgone e Mind Flayer, Vecna ​​prende il nome da un antagonista di Dungeons and Dragons, ma è un po’ diverso da quello che hanno affrontato prima. Come una specie di unto Freddy Krueger, si insinua nelle menti della sua vittima, inseguendole in inquietanti sequenze oniriche prima (alla fine) di mettere in atto il suo ultimo, macabro prezzo.
I creatori, i Duffer Brothers, sono chiaramente consapevoli del crossover Krueger – hanno Robert Englund in un fantastico ruolo da piccola guest star nei panni di un serial killer problematico – e in generale, è un antagonista fantascientifico più tradizionale in molti modi. È più strategico per uno, e furbo, anche se, come con molti cattivi dell’orrore, è significativamente più spaventoso nelle prime scene “solo un’occhiata” di quanto non lo sia una volta che girovaga per essere malvagio e dall’aspetto disgustoso.
Ad ogni modo, non passa molto tempo prima che i nostri disparati gruppi di eroi capiscano che sta succedendo qualcosa di brutto, e la maggior parte della loro angoscia adolescenziale viene invece messa da parte per lavorare su cose di fantascienza. Insieme (o meglio, separatamente) affronteranno demoni dei sogni, folle inferocite, loschi tipi di governo, soldati dell’esercito, spaventose case infestate e molto altro.

Millie Bobby Brown nel ruolo di Eleven in STRANIERI COSE.
Millie Bobby Brown nel ruolo di Eleven in STRANIERI COSE. Netflix

A volte è un po’ troppo. Considerando quanti personaggi di ritorno ci sono già in Stranger Things 4, un paio di nuove aggiunte sembrano eccessive e alcune trame sono decisamente più coinvolgenti di altre.
Come leggere un libro, di tanto in tanto ti sentirai deluso di dover riprendere quel personaggio piuttosto che quello che stavi solo seguendo, e c’è la sensazione che una o due figure siano tenute occupate dagli scrittori piuttosto che contribuire in modo significativo al andamento della storia. E in una serie con episodi così lunghi, probabilmente c’erano uno o due tagli che avrebbero potuto essere fatti.

Ma è difficile rimproverare tutto questo quando a un livello base, Stranger Things è così guardabile e divertente. I personaggi sono ancora coinvolgenti, il livello di spavento è aumentato e parte di ciò che i Duffer hanno inventato in questa stagione è più fantasioso che mai. Dire di più sarebbe scavare nel territorio degli spoiler – anche se se sei curioso, a quanto pare il nuovo gioco tie-in Monopoly della serie è il posto dove cercare suggerimenti – ma non vedo i fan che escono da questi episodi delusi.
Chissà quanto sarà grande Stranger Things nella seconda serie di episodi della parte 4 , o nella sua quinta stagione finale, ma per ora si tratta solo di tenersi insieme. Solo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Detected!!!

We have detected that you are using extensions to block ads. Please support us by disabling these ads blocker.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO
error: Contenuto Protetto!